Michel Blazy, front page of La Lettura – Corriere della Sera

Art with plants
He considers art is alive, and not in a metaphorical sense. For Michel Blazy (Monaco, 1966, currently living in France) art expresses itself as an organic form in a constant, surreal exchange between the living elements and the unarmed, static ones such as plants sprouting from a computer keyboard or grooms growing in clay vases as unexpected trees. The image on the magazine cover (a small plant germinating within a sort of iron pipe) emerges as the result of an idea where an ecological vision seemingly prevails, a kind of bio-art where nature is taking control…”

Translated from Italian, original text by Gianluigi Colin (excerpt), L’arte vegetale, La Lettura – Corriere della Sera, n. 228, April 10 2016, p. 47

“L’arte vegetale
La sua visione è quella di considerare l’arte qualcosa di vivo. E non in senso metaforico. Per Michel Blazy (Monaco, 1966, ma francese d’adozione) l’arte si esprime come forma organica in un costante e surreale dialogo tra elementi vitali e altri inermi, statici, come piante che crescono sulla tastiera di un computer o scope che sembrano svilupparsi in vasi di terracotta come inaspettati alberi. Anche la copertina (una specie di pipa di ferro da cui nasce una pianticella) appare il frutto di un’idea in cui prevale apparentemente una visone ecologica, une specie di bioarte in cui la forza della natura prende il sopravvento…”

Gianluigi Colin (extrait), L’arte vegetale, La Lettura – Corriere della Sera, n. 228, 10 avril 2016, p. 47